Imballaggio e smaltimento

Image L'ottimizzazione dell'imballaggio e lo ‘smaltimento degli imballaggi’ sono ambiti nei quali l'impegno congiunto di industria, consumatori e autorità locali può davvero fare la differenza.

L'imballaggio è fondamentale per detergenti, prodotti di manutenzione e molti altri beni.  I contenitori all'interno dei quali questi prodotti vengono venduti sono essenziali per garantire la sicurezza e l'adeguatezza del trasporto, della presentazione sugli scaffali e della consegna dei prodotti stessi.   L'imballaggio è inoltre importante in quanto fornisce al consumatore una serie di informazioni relative al prodotto, come i dettagli sul prodotto stesso e sul dosaggio, le modalità d'uso e le indicazioni di sicurezza.  Pertanto il nostro consiglio è: Leggete l'etichetta.

Il nostro settore si impegna costantemente per trovare soluzioni in grado di ridurre gli imballaggi, concentrandosi sui seguenti metodi possibili:

1. Riduzione della dimensione degli imballaggi/compattazione:
La compattazione consiste nel rendere più concentrati i detergenti in polvere. In questo modo le dimensioni e il peso del prodotto saranno minori, ma l'efficacia del prodotto rimarrà inalterata.  È dimostrato come i detergenti concentrati utilizzino:

• Meno energia nella fase di produzione.
• Quantità inferiori di materia prima (in quanto viene utilizzato meno prodotto per ogni dose).
• Meno prodotto (e quindi meno rifiuti).
• Meno materiali d'imballaggio.

Per queste ragioni l'ottimizzazione delle dimensioni degli imballaggi, possibile grazie alla compattazione dei prodotti, viene incoraggiata, in quanto i prodotti concentrati richiedono meno spazio e quindi meno veicoli per il trasporto.

Il nostro settore ha lanciato i primi detergenti concentrati sul mercato negli anni 90 (fonte: A.I.S.E.). Il nostro settore continua a mettere a punto detergenti concentrati e, allo stesso tempo, non smette di cercare metodi alternativi per ottimizzare le prestazioni dei prodotti, senza danneggiare l'ambiente.

2. Sviluppo di schemi di recupero degli imballaggi per ottimizzare l'uso dei materiali d'imballaggio.
A partire dal 1994, la legislazione europea ha delegato la responsabilità del recupero e del riciclaggio dei rifiuti d'imballaggio a coloro che gestiscono l'imballaggio in tutti gli stadi della catena di fornitura. La Direttiva europea 94/62/EC del 1994 sugli imballaggi e sui rifiuti d'imballaggio intende prevenire la produzione dei rifiuti d'imballaggio, riducendo, riutilizzando e riciclando i materiali con metodi di recupero alternativi.

Il Punto verde

Green Dot

Il Punto verde è un simbolo molto conosciuto in numerosi paesi europei. Apponendo questo simbolo, le aziende dichiarano il loro impegno verso i sistemi nazionali di recupero degli imballaggi presenti in tutto il continente.

Per saperne di più sull'organizzazione di recupero degli imballaggi della vostra nazione, visitate il sito Web http://www.pro-e.org/

Il Punto verde è un marchio registrato introdotto dalla Duales System Deutschland nel 1991 (organo che concede licenze per l'utilizzo del simbolo su altri sistemi). In alcuni degli stati membri, il Punto verde non viene utilizzato e non è obbligatorio. Per ulteriori informazioni sui vari sistemi, consultate il sito Web di EUROPEN www.europen.be; per i sistemi che utilizzano il Punto verde, consultate il sito Web di ProEurope www.pro-e.org.

Nel 1997, una delibera della Commissione Europea sull'identificazione dei materiali d'imballaggio (97/129/EC) ha stabilito un sistema di identificazione per gli imballaggi in plastica, carta o fibra, metallo, legno, tessuto, vetro e materiali composti. Questa identificazione deve comparire in mezzo o sotto ai simboli relativi al riciclaggio o al riutilizzo.

L'utilizzo di questo sistema di abbreviazione e numerazione è facoltativo. Tuttavia, nell'UE le aziende che decidono di identificare i materiali dei loro imballaggi sono obbligati a farlo conformemente a quanto stabilito dalla delibera della Commissione.

L'identificazione dei materiali d'imballaggio non deve essere confusa con altri simboli spesso utilizzati sugli imballaggi, per incoraggiare il riciclaggio, per prevenire la dispersione dei rifiuti o per comunicare altre informazioni sugli imballaggi ai consumatori, come quelle sulla possibilità di riutilizzarli.

Il nastro di Moebius

Image

Il nastro di Moebius, formato da 3 frecce che si "rincorrono", è il simbolo internazionalmente riconosciuto per il riciclaggio. Ogni freccia rappresenta un aspetto di un programma di riciclaggio riuscito: raccolta, nuova produzione/rielaborazione per creare un nuovo prodotto e acquisto da parte del consumatore. Questo simbolo viene applicato sui prodotti riciclabili.

Materie plastiche

Image

Solitamente le bottiglie, i contenitori e gli imballaggi in plastica portano un simbolo che indica il tipo di resina plastica utilizzata per fabbricarli. La società americana delle industrie plastiche (American Society of Plastics Industry, SPI) ha introdotto il sistema di classificazione delle resine nel 1988. I simboli impressi sulle bottiglie, sui contenitori e sugli imballaggi di plastica sono una variazione delle tre frecce di Moebius. Sono state semplificate e assottigliate.

Generalmente questo simbolo si trova sul fondo delle bottiglie, impresso in rilievo sulla plastica stessa e quindi non sempre è facile da vedere. Il simbolo racchiude un numero all'interno delle frecce di Moebius e di solito, ma non sempre, anche l'acronimo della resina.

Per ulteriori informazioni visitate il sito Web www.europen.be
 


Deutsch Français Nederlands
Deutsch Français